fedi

Chi porta gli anelli

La scelta di affidare la consegna delle fedi all’altare ai bambini o ai nonni: paggetti e nonni si rivelano essere la scelta più appropriata per la consegna delle fedi se si desidera creare un’atmosfera romantica e super emozionante.

Durante l’organizzazione di un matrimonio sono davvero tantissimi i particolari a cui bisogna prestare attenzione ma ve ne è uno forse più importante degli altri: chi porterà gli anelli agli sposi?
Le soluzioni che in questo caso vengono applicate sono molteplici e vengono valutate in relazione ai singoli gusti e preferenze dei fidanzati.
Ad oggi la maggior parte delle coppie preferisce far svolgere tale compito ai bambini: ma di quali bimbi si tratta? Nello specifico possono essere compresi figli di amici, semplici invitati, nipoti, oppure i propri figli, magari nati da una precedente relazione. Questa scelta dimostra di avere una grande valenza soprattutto perché eleganti damine e piccoli paggetti sanno catturare e far emozionare tutti gli ospiti presenti, rendendo super magico il momento.
Diversa si presenta invece l’ipotesi di affidare tale ruolo ai nonni, se ancora gli sposi hanno la fortuna di averli con loro. L’idea nasce dalla necessità di voler trasmettere, anche con un semplice gesto, un messaggio decisamente profondo che sembra quasi risuonare come una benedizione sul significato del matrimonio. I nonni d’altronde vengono considerati da sempre portatori di sano amore, tradizioni, buon auspicio per la vita di coppia e unione familiare.

Soluzioni particolari per la consegna degli anelli durante la cerimonia

Particolari proposte per la consegna delle fedi nel matrimonio arrivano anche dagli amici a 4 zampe e dall’uso di effetti speciali.

Per gli sposi che amano fortemente cambiare le tradizioni e utilizzare particolari effetti speciali, non possono mancare idee alla loro portata anche per quanto riguarda coloro che dovranno portare le fedi durante il matrimonio.
Una proposta molto utilizzata soprattutto negli ultimi anni, per tutti gli amanti della natura e in particolar modo degli animali arriva proprio dalla possibilità di farsi portare gli anelli all’altare dagli amici a quattro zampe.
Questa dolcissima idea tende a ricordare che fanno parte di una famiglia non soltanto parenti e amici ma anche i propri animali domestici.
Coinvolgere i cani sarà sicuramente più semplice rispetto a gatti o criceti ma in tale occasione occorre ricordare di tenere al primo posto sempre il loro benessere, impiegando se necessario l’aiuto di un dogsitter.
Se l’evento invece sarà ricordato per essere sopra le righe e alquanto bizzarro, la coppia potrà optare per l’arrivo delle fedi a bordo di un drone oppure di una macchina telecomandata. Fondamentale in tale situazione sarà l’aiuto di un ospite, che dovrà pilotare il mezzo per far giungere gli anelli direttamente sull’altare al momento opportuno.
L’alternativa, tipica delle coppie che non vogliono coinvolgere altre persone nel momento della consegna degli anelli durante la cerimonia, prevede di poter utilizzare il bouquet di fiori a proprio vantaggio. Applicando un semplice nodo al mazzo della sposa, è possibile legare le fedi in modo originale e unico: nel momento fatidico in cui dovrà avvenire lo scambio, i due protagonisti dovranno solamente sfilarle dal bouquet, sorprendendo sicuramente tutti gli invitati.
Dello stesso avviso si pone l’iniziativa di appoggiare direttamente le fedi sulle pagine di un libro, come la Bibbia o il Vangelo, nel caso di una cerimonia religiosa, oppure per quella civile in un manuale d’amore, romanzo o libro di poesie.

Cosa consiglia il galateo per la consegna degli anelli

La tradizione e il galateo prevedono che la consegna delle fedi venga effettuata unicamente dal testimone dello sposo.

Le soluzioni per la consegna degli anelli durante il matrimonio non potevano però essere complete se non venivano citate le proposte previste dal galateo. L’etichetta in questo caso vuole infatti che un compito così particolare e importante venga affidato solamente al testimone di nozze dello sposo.
L’oggetto utilizzato per adagiare gli anelli, in tal caso, è senza alcuna ombra di dubbio il cuscino porta fedi, tipico della tradizione anglosassone, che sembra rimandare alla purezza e all’indissolubilità del matrimonio.
Il cuscino preserva e custodisce dentro di sè il significato profondo delle fedi, anelli perfettamente tondi che rispecchiano il cerchio della vita e l’unione degli sposi per l’eternità.
Non avendo nè un inizio nè una fine, le fedi rappresentano al massimo l’infinito amore che unisce moglie e marito: legandole quindi con appositi nastri di raso al cuscino, possono arrivare all’altare perfettamente integre.
Per il galateo inoltre il cuscino dovrà essere realizzato con lo stesso materiale e colore dell’abito indossato dalla futura sposa; è possibile anche ricamare le iniziali dei fidanzati oppure impreziosirlo con immagini religiose, iconografie romantiche come stelle o cuori.
Il testimone dello sposo, sarà così chiamato a svolgere questo importante compito, che non consiste solamente nel testimoniare l’avvenuta celebrazione del matrimonio ma anche appunto nel consegnare il cuscino con le fedi nuziali.
Una volta entrato in chiesa, il testimone dovrà consegnare gli anelli al sacerdote per farli benedire.
La tradizione vuole inoltre che sia proprio lui ad acquistare le fedi, in quanto essendo amico o parente della coppia, conosce pienamente i gusti dei futuri sposi.
Naturalmente il testimone dovrà ricordarsi di prendere i gioielli in questione prima di uscire di casa altrimenti rischia di far allungare inutilmente la celebrazione del rito.
Portare gli anelli all’altare è così come un compito fondamentale, vista appunto l’importanza che le fedi ricoprono nel matrimonio e nella coppia.
La scelta in questo caso però potrà essere alquanto soggettiva e gli sposi potranno liberamente scegliere se rispettare le norme previste dal galateo e delle tradizioni o preferire una soluzione originale e alternativa, come il drone, il mazzo di fiori oppure l’aiuto degli amici a quattro zampe.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Cerca