velo-si-o-no

Velo si o no?

Le diverse lunghezze di velo

Per capire se indossare o meno il velo nel giorno delle proprie nozze, è fondamentale capire quali sono le diverse lunghezze che intercorrerono tra le varie tipologie di questo accessorio.

Ogni sposa sogna fin da bambina il suo abito dei sogni da indossare il giorno più importante della sua vita: quello del matrimonio. Quando però arriva davvero il momento di sceglierlo e di vederlo indosso, iniziano a farsi strada nella mente dubbi di ogni genere: quale è il vestito che meglio mette in mostra il mio fisico? Gli accessori sono ben abbinati? Velo sì o velo no?
In tale circostanza, fare la scelta giusta non è mai facile e per questo è necessario chiedere il parere degli esperti del settore oltre che quello dei familiari o delle amiche.
Tra tutti gli accessori che una sposa dovrà indossare il giorno del fatidico sì, il velo viene sicuramente visto come quello che può davvero rendere magico l’abito scelto.
Le regole del Galateo precisano che una donna super romantica e legata alla tradizione non potrà mai fare a meno del velo.
Attualmente ne esistono numerose tipologie: corti che tendono ad arrivare fino alle spalle, medi che arrivano ai fianchi e alla vita e lunghi ben oltre quattro metri.
É però chiaro che i vari veli non si adattano facilmente alla personalità e alla fisicità di ogni sposa.
Il velo corto, ad esempio, riesce a fare una grande figura se viene abbinato ad un look vintage oppure ad un taglio di capelli corto.
Il velo con lunghezza media, invece, rischia a volte di ingombrare la figura e allo stesso tempo di appesantire l’abito. In linea di massima è molto consigliato con gli abiti a sirena, per non rischiare di intralciare la parte inferiore del vestito.
Il velo lungo, infine, tende a dare all’intero look un tocco di eleganza e femminilità, tanto da essere preferito da tutte quelle spose romantiche e chic.
A volte le donne scelgono addirittura di optare per il velo lungo quanti sono gli anni di fidanzamento con il futuro sposo.
Naturalmente per riuscire a dare l’effetto sperato, dovrà essere indossato con un determinato portamento e una camminata sicura.
Il velo può essere definito una tradizione religiosa e per tale ragione non andrebbe indossato nei riti simbolici e nelle cerimonie civili.
La regola comunque potrà venire infranta soprattutto se il matrimonio si terrà in luoghi simbolici, come nel caso di una villa o di un ristorante chic.

Tipologie di velo

Oltre alla lunghezza, anche la tipologia di velo ha la sua importanza. La sposa dovrà comprendere se indossare questo accessorio con pizzi e organze oppure optare per uno stile tutto particolare ed eccentrico

Il velo, dal fascino tradizionale, vanta delle origini davvero antichissime ma riesce sempre a dimostrarsi attuale.
Una volta entrate in atelier, sono sempre di più le future spose che decidono di acquistare il velo una volta indossato, in quanto riesce a completare l’abito dei sogni.
Conviene quindi capire quale sia il tipo di velo che più si adatta alla propria personalità, oltre che al modo di vestire.
Naturalmente occorre specificare che ogni sposa dovrà sentirsi completamente a suo agio nel giorno delle nozze e per questo dovrà valutare se indossare o meno tale accessorio.
Se la vera protagonista del giorno del matrimonio sogna fin da bambina di fare in Chiesa o nella location un’entrata trionfale con un corteo nuziale, dovrà quasi obbligatoriamente optare per il velo, sia esso corto che lungo.
In questo caso, infatti, tale accessorio sarà in grado di donare all’abito un tocco di maggiore eleganza. L’importante è però fare molta attenzione al tipo di tessuto oltre che al metodo di lavorazione.
Ad esempio il velo in tulle, fluttuante e vaporoso, riesce a conquistare la sposa per la sua estrema leggerezza mentre il velo di pizzo riesce a farsi notare per l’incredibile preziosità dei merletti, adornati con una maestria artigianale.
Per creare un contrasto con il vestito in pizzo occorre invece puntare per un velo in tulle, cercando però di mantenere un certo equilibrio.
Nel caso in cui il vestito da sposa risulti essere particolarmente ricercato, il velo non dovrà rimanere un semplice accessorio ma dovrà essere abbinato con i dettagli del corpetto.
Lo stesso discorso vale nel senso contrario, per cui un velo di famiglia potrà risultare troppo eccessivo e finirà per appesantire l’intero look se viene abbinato ad un vestito barocco e sfarzoso.
Altre tipologie di velo inoltre sono comprese in quello che viene definito lo stile Giulietta, amato particolarmente dalle donne che sognano di raggiungere all’altare il futuro marito, facendosi scoprire direttamente da lui il viso. In questo caso la scelta sembra essere quasi scontata e finisce per ricadere sul velo con voliera o all’america, con un taglio più corto davanti e più lungo dietro.
Per tutte le spose più stravaganti ed eccentriche che però non vogliono rinunciare alla tradizione dell’uso del velo, possono optare per una valida alternativa di carattere e molto glam. Si tratta del modello Juliet Cap, che sostanzialmente copre i capelli, mettendo al contempo in evidenza i tratti del volto. Il modello originale e semplice ad oggi è quello che più riesce a conquistare le donne di ogni genere ed età.
Per la scelta o meno del velo è fondamentale così ascoltare i consigli delle amiche, dei familiari e degli esperti ma poi la decisione dovrà essere unicamente della sposa.
Basta solamente capire gli interessi della protagonista e comprendere se il velo possa o meno fornire un valore aggiunto al look.
Nel giorno del matrimonio, infatti, dovrà sentirsi semplicemente perfetta sia con indosso il velo che senza.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Cerca